Giornalismo libero di raccontare: Gazebo insegna

Operativi-gazebo-1Non so voi, ma a me il sistema dell’informazione in Italia comincia a stancare. Ogni giorno l’attenzione mediatica si concentra su un qualche evento caldo, un hot spot, che in quel momento per contingenze di spazio ma soprattutto tempo, porta più ascolti. Tutto è fondato sugli ascolti. Tutti i telegiornali ormai mi appaiono come i programmi del pomeriggo: Quando ero pischello c’era il mitico Cucuzza, oppure la Parodi su Canale 5, ora c’è barbara D’urso , ad evidenza, la principale causa di questa involuzione dell’informazione e del giornalismo. C’è un ultimo balurado, o uno dei pochi rimasti, d’informazione libera dalla logica del “concentrazione mediatica”, un programma unico!

Pochi giorni fà volevo scrivere su un argomento di questi che ora non “vanno più di moda”, ma poi Zoro e la bandaccia di Gazebo, mi hanno preceduto….facendolo con l’immediatezza che può essere solo dei video reportage. Un articolo sarebbe superfluo a questo punto, così ho deciso che l’opinione del Maniaco stavolta sarà affidata al genio di questo gruppo di ragazzi. Ecco il video-reportage “da Gorizia a Lampedusa”

Continua a leggere

Lampedusa: un paradiso che può diventare inferno

La Porta dell'Europa

Lampedusa è un’isola siciliana, geograficamente appartenente alla Tunisia, di venti chilometri quadrati; un piccolo lembo di superficie in mezzo al mare, celebre agli occhi del mondo per essere frequentemente teatro di sciagure come quelle del 3 ottobre, quando oltre duecento immigrati clandestini provenienti dal nord Africa hanno perso la vita nel tentativo di raggiungere le rive della parte di terra ferma più a sud d’Europa. Continua a leggere

Reato di clandestinità vacilla dopo Lampedusa

immigrazioneSento intorno a me suoni discordanti, un concerto di “coincidenze” ci sta colpendo in questi ultimi giorni. Un’unica causa scatenante, purtroppo drammatica, la strage di clandestini al largo di Lampedusa. Ma una speranza arriva in queste ultime ore, con una notizia che strabilia e divide le coscienze: la Commissione di Giustizia del Senato ha approvato un emendamento, su proposta dei senatori pentastellati Maurizio Buccarella e Andrea Cioffi, che elimina il reato di clandestinità.  Continua a leggere